Qual è la differenza tra le membrane ad osmosi inversa a bassa pressione e le membrane ad osmosi inversa ad alta pressione?

shutterstock 2065802216

Quando parliamo di purificazione dell’acqua ad osmosi inversa, non c’è dubbio che le membrane osmotiche svolgano un ruolo di primaria importanza.

Questo perchè il loro compito è scartare i residui nocivi – inclusi pesticidi e metalli pesanti – restituendo ai nostri rubinetti un’acqua pura e decontaminata.

Ma come effettuano questo lavoro?

Bene, cerchiamo di capire insieme il principio delle membrane ad osmosi inversa.

L’azione purificatrice avviene in sinergia con una pompa, mentre un piccolo tubo di scarico provvede ad eliminare le scorie e gli inquinanti presenti nell’acqua prima dell’avvenuta purificazione.

Guardandole più da vicino, queste membrane risultano avvolte da pellicole composte da due materiali stratificati: acetato di cellulosa e poliammide.

Lo speciale materiale polimerico filtra correttamente ioni d’acqua, molecole, microrganismi e altre impurità.

Ed è così che si raggiunge la purezza dell’acqua.

Tuttavia, non tutte le membrane osmotiche sono uguali: oltre alla portata, esiste una grande differenza tra le membrane osmotiche a bassa pressione e le membrane ad alta pressione.

In questo articolo approfondiremo questo aspetto, così da aiutarti a capire meglio quale soluzione potrebbe adattarsi meglio alle tue esigenze.

shutterstock 393290254

La membrana ad osmosi inversa è un’innovazione della tecnologia moderna che ti aiuta a filtrare le impurità nell’acqua e purificare l’acqua, fornendo così una migliore fonte di benessere per la tua vita.

Ma quando si tratta di scegliere le membrane per osmosi inversa, queste vengono generalmente divise in due categorie principali: membrane per osmosi inversa ad alta pressione e membrane per osmosi inversa a bassa pressione.

Quindi come scegliere la giusta membrana ad osmosi inversa?

Come dicevamo in precedenza, c’è differenza tra le membrane osmotiche ad alta pressione e quelle a bassa pressione.

La caratteristica più evidente delle membrane ad osmosi inversa ad alta pressione è che richiedono una pompa per aumentare la pressione dell’acqua a 200-400 psi per funzionare correttamente. [ Psi è l’acronimo di “pound per square inch” o più esattamente di “pound-force per square inch”, locuzione inglese che significa libbre forza per pollice quadrato ].

Le membrane ad osmosi inversa a bassa pressione, invece, funzionano a pressioni più basse, tipicamente tra 30 e 60 psi.

Di conseguenza, si può dedurre che le membrane ad osmosi inversa a bassa pressione consumano meno energia.

Ma non è tutto, perchè le membrane ad alta pressione e quelle a bassa pressione differiscono anche nei loro effetti di trattamento dell’acqua.

Non a caso, le proprietà dell’acqua per una corretta filtrazione di una membrana ad alta pressione hanno caratteristiche e valori (come la durezza ed il valore del pH) di gran lunga più elevati rispetto alle membrane a bassa pressione.

In pratica, quando le proprietà dell’acqua sono scarse, le esigenze di trattamento sono elevate (come la purificazione dell’acqua di mare). Questo perché le membrane ad alta pressione sono più efficaci nella filtrazione e contengono meno impurità.

Al contrario, se si dispone già di ottimi valori dell’acqua, la membrana a bassa pressione sarà la scelta migliore.

shutterstock 2235323453

Quando si sceglie tra membrane per osmosi inversa a bassa pressione e membrane per osmosi inversa ad alta pressione, bisogna considerare diversi scenari ed esigenze applicative.

La membrana ad alta pressione è ampiamente utilizzata nella desalinizzazione dell’acqua di mare, nel trattamento delle acque reflue industriali e in altri campi.

La membrana a bassa pressione è più adatta per il trattamento dell’acqua con meno sostanze sospese, come quella che proviene dagli acquedotti comunali.

In conclusione, la scelta del tipo di membrana ad osmosi inversa da utilizzare deve basarsi sullo scenario di applicazione reale.

Indipendentemente dal tipo di membrana ad osmosi inversa scelta, l’obiettivo finale dell’utilizzo delle membrane è proteggere la sicurezza della nostra acqua e migliorare il nostro benessere.

Varie tipologie di membrana osmotica

La portata della membrana non si esprime in litri ma in GDP (galloni al giorno).

Un gallone equivale a 3,785 litri.

Sul mercato esistono fondamentalmente 5 tipologie di membrane osmotiche: da 50 GDP, da 75 GDP, da 100 GDP, da 150 GDP e da 300 GDP. Più alto è il valore dei galloni al giorno, maggiore è la portata d’acqua purificabile.

Il nemico delle membrane

Le membrane tendono a logorarsi più in fretta quando entrano a contatto con il cloro.

Ecco perchè l’eliminazione di questo elemento è un passaggio fondamentale per un corretto e prolungato funzionamento delle tecnologie di filtrazione.

Quanto dura una membrana osmotica e quando va sostituita?

I filtri a carboni attivi incidono notevolmente sulla durata della membrana, che in linea di massima può durare da un minimo di 3 anni fino ad un massimo di 5 anni.

Il periodo di vita di una membrana dipende da una moltitudine di fattori come la frequenza di impiego, la durezza dell’acqua e la manutenzione. Una manutenzione puntuale prolunga il periodo di vita di una membrana osmotica.

Se il tuo depuratore domestico eroga acqua con una certa difficoltà, significa che i pori delle membrane sono ostruiti.

Dunque è opportuno intervenire con una pulizia accurata o con la sostituzione della membrana.

Infatti, i prezzi di vendita dipendono in particolar modo dalla portata e dalla capacità di produzione della tecnologia di filtrazione.

Se stai cercando un prodotto affidabile e garantito, Aquamea potrebbe fare al caso tuo.

01 Emanuele Tecnico.00 00 33 02.Immagine001

Aquamea: acqua pura di sorgente direttamente dal tuo rubinetto

I sistemi Aquamea forniscono acqua potabile purificata e decontaminata attraverso un accurato processo di filtrazione in più fasi, inclusa l’osmosi inversa.

Quindi puoi prepararti a dire addio a metalli pesanti, cloro, impurità, cattivo gusto e cattivo odore.

Grazie alle tecnologie Aquamea sfrutterai una fornitura costante di acqua purificata direttamente dal tuo rubinetto, eliminando la tua dipendenza dalla plastica e dalle bottiglie d’acqua in plastica.

Questi significa che oltre alla comodità, un sistema di filtrazione dell’acqua ad osmosi inversa è una scelta ecologica.

Ma non è tutto: tra le varie tecnologie ad osmosi inversa, c’è da riconoscere che quelle a marchio Aquamea hanno una particolare unicità. Filtrano il doppio perché hanno i filtri più grandi.

Forse è anche per questo che continuano ad aumentare le persone felici di bere acqua pura direttamente dal rubinetto di casa in totale sicurezza, senza sforzi inutili e senza costi inutili.

Se desideri unirti a loro, è sufficiente cliccare questo link e prenotare una consulenza gratuita per un primo test dell’acqua.

Tramite una tecnologia ad osmosi inversa – come quella Aquamea – la tua nuova acqua purificata e decontaminata sarà sempre a tua disposizione, giorno e notte, senza uscire di casa.

Dimentica impurità, metalli pesanti, cloro, calcare, PFAS, virus e batteri, perchè otterrai un’acqua pura di sorgente direttamente nel tuo rubinetto.

E inoltre risparmierai parecchio, perchè finalmente sfrutterai al 100% l’acqua di rete che già paghi…

Tutto quello che devi fare è soltanto cliccare questo link e compilare il form per ottenere una prima consulenza gratuita, come già fatto da altre migliaia di persone prima di te.

Approfitta quindi dell’offerta e ricorda che tutto il potere decisionale è nelle tue mani.

Un passo così amorevole e protettivo verso il tuo benessere e quello della tua famiglia è una scelta tua e soltanto tua.

Grazie per essere arrivato a leggere fino qui e a presto,

lo staff Aquamea

Screenshot 2024 01 15 alle 15.43.07

Comments are disabled.