Ecco come affrontare i 7 miti comuni sull’osmosi inversa che forse riguardano anche te

Aquamea tecnico 3 orizzontale

L’osmosi inversa è una delle forme di filtrazione più diffuse.

A causa della loro popolarità crescente, queste tecnologie sono vittime di cospirazioni disinformate, fuorvianti o semplicemente non vere.

Nonostante le false voci, i sistemi ad osmosi inversa sono uno dei migliori sistemi di filtrazione disponibili in ambito residenziale perché soddisfano le esigenze di molte famiglie.

Di seguito puoi trovare informazioni dei miti comuni sull’osmosi inversa e cosa li rende validi o non validi.

Cosa fa l’osmosi inversa?

L’osmosi inversa è un metodo di filtrazione comune che riduce i livelli di quei contaminanti che potrebbero trovarsi nell’acqua.

L’acqua, sottoposta ad alta pressione, passa attraverso una membrana semipermeabile.

Questa membrana contiene minuscoli pori che impediscono ai contaminanti di raggiungere il lato meno concentrato.

Una volta filtrati, i contaminanti vengono lavati via con l’acqua in eccesso.

L’acqua filtrata viene remineralizzata ed entra in un serbatoio di stoccaggio, dove verrà trattenuta fino all’apertura del rubinetto.

I sistemi ad osmosi inversa sono dotati di almeno tre stadi, ciascuno specializzato nel filtrare diversi contaminanti.

I tre stadi minimi di un filtro ad osmosi inversa includono un pre-filtro a sedimenti e carbone, una membrana ad osmosi inversa e un post-filtro a carbone.

Nelle aree con acqua dura è però necessario aggiungere un addolcitore prima che l’acqua entri nel sistema ad osmosi inversa per evitare che i minerali causino danni alla membrana osmotica.

Se invece fai affidamento su un pozzo per l’acqua, allora dovrai assicurarti di avere un pretrattamento di disinfezione appropriato.

Gallery Igea 3 scaled 2

Ecco i 7 miti comuni sull’osmosi inversa

1. L’acqua ad osmosi inversa non è sicura da bere

Uno dei miti più comuni sull’acqua ad osmosi inversa è che non è salutare da bere a causa della mancanza di minerali.

Ma abbiamo già visto che esiste un filtro deputato alla remineralizzazione.

Inoltre il resto dei minerali dovrebbero essere assorbiti seguendo una dieta equilibrata che includa i nutrienti necessari, perchè molti minerali non sono in grado di entrare nel flusso sanguigno tramite liquidi.

Di conseguenza, il modo migliore per raggiungere i tuoi obiettivi di assunzione di minerali è una dieta equilibrata seguita da acqua pulita ad osmosi inversa.

2. L’acqua del rubinetto è altrettanto buona dell’acqua ad osmosi inversa

Sebbene il trattamento delle acque urbane abbia degli standard a cui deve attenersi, questi standard non sempre rendono l’acqua ideale per il consumo.

Gli impianti di trattamento delle acque, proprio come ogni cosa, sono vincolati da restrizioni monetarie.

Per ogni contaminante presente nell’acqua, esiste un livello di contaminazione ideale ed esiste un livello realistico che il trattamento di massa può produrre.

Il piombo, ad esempio, è pericoloso da consumare a qualsiasi livello di concentrazione.

Tuttavia, per eliminare completamente il piombo dall’acqua, gli impianti di trattamento delle acque cittadine dovrebbero spendere molto più denaro di quanto sia possibile, quindi le autorità competenti devono stabilire standard realistici che siano in linea tra salute a lungo termine e fattibilità monetaria.

L’installazione di una tecnologia ad osmosi inversa non solo migliorerà il sapore dell’acqua, ma ridurrà anche i livelli di contaminanti, come il piombo, che possono compromettere il benessere a lungo termine.

3. L’acqua in bottiglia è migliore dell’acqua ad osmosi inversa

Non solo le proprietà chimiche dell’acqua ad osmosi inversa superano quelle dell’acqua in bottiglia, ma questa scelta è anche molto più ecologica.

Da una prospettiva ambientale, i sistemi di osmosi inversa domestici non producono neanche lontanamente la stessa quantità di rifiuti di plastica delle bottiglie d’acqua, che lasciano dietro di loro un’enorme impronta di carbonio.

Le tecnologie ad osmosi inversa aiutano a ridurre notevolmente l’uso di plastica nelle case di anno in anno.

E poiché mantenerle costa poco, risultano molto più convenienti dell’acqua in bottiglia.

artide family 750

4. I filtri ad osmosi inversa sono costosi

I sistemi ad osmosi inversa sono molto più economici ed ecologici rispetto all’acqua in bottiglia, specialmente nel lungo periodo.

Contrariamente all’acquisto di acqua in bottiglia, un sistema ad osmosi inversa è un acquisto una tantum.

Anche se i filtri sostitutivi vanno cambiati ogni anno, l’intervento di manutenzione non si avvicina al costo complessivo dell’acqua in bottiglia di cui avresti bisogno.

5. L’osmosi inversa è uno spreco

Sebbene i sistemi a osmosi inversa debbano espellere l’acqua nel processo di filtrazione, la loro efficienza è migliorata drasticamente negli ultimi due decenni.

Il termine “spreco” è fuorviante perché i sistemi ad osmosi inversa ridistribuiscono l’acqua.

Quando fai la doccia, lavi i denti o i piatti o i vestiti, non consideri sprecata l’acqua che hai utilizzato in quei processi.

Piuttosto, l’hai usata per il tuo benessere. E lo stesso si può dire per gli impianti ad osmosi inversa.

Per filtrare adeguatamente l’acqua destinata al consumo, è necessario utilizzare una parte dell’acqua per allontanare i contaminanti dal sistema.

6. I filtri del frigorifero sono altrettanto efficaci dei filtri ad osmosi inversa

I filtri del frigorifero possono migliorare il gusto dell’acqua, ma non rimuovono i contaminanti come un filtro ad osmosi inversa.

Questi filtri del frigorifero sfruttano un nucleo di carbone attivo per allontanare i sapori e gli odori sgradevoli di cloro e cloramina.

I filtri ad osmosi inversa, invece, presentano almeno tre stadi: un prefiltro sedimenti/carbone, una membrana ad osmosi inversa e un postfiltro a carboni attivi.

Questo significa che i sistemi ad osmosi inversa ridurranno i livelli di cloro, di solidi totali disciolti, sali, sedimenti, arsenico, composti organici volatili e molti altri tipi di contaminanti.

I filtri del frigorifero miglioreranno il gusto della tua acqua, ma non rimuoveranno questi contaminanti.

7. Per me è sufficiente un addolcitore d’acqua

L’acqua dura può causare accumulo di calcare. Ma non solo.

L’acqua dura deteriora anche gli impianti idraulici e gli elettrodomestici.

Sebbene gli addolcitori siano ottimi per addolcire l’acqua, questa è la portata della loro utilità.

Tuttavia, gli addolcitori non sostituiscono un vero e proprio filtro dell’acqua.

Un addolcitore d’acqua non è pensato per rendere l’acqua più sicura da bere.

shutterstock 1954338127

Ora che conosci e sai come affrontare i 7 miti comuni sull’osmosi inversa, non ti resta che approfittare della speciale offerta che stai per leggere.

I sistemi Aquamea forniscono acqua potabile purificata e decontaminata attraverso un accurato processo di filtrazione in più fasi, inclusa l’osmosi inversa e la remineralizzazione.

Quindi puoi prepararti a dire addio a metalli pesanti, cloro, impurità, cattivo gusto e cattivo odore.

Grazie alle tecnologie Aquamea sfrutterai una fornitura costante di acqua purificata direttamente dal tuo rubinetto, eliminando la tua dipendenza dalla plastica e dalle bottiglie d’acqua in plastica.

Questi significa che oltre alla comodità, un sistema di filtrazione dell’acqua ad osmosi inversa è una scelta ecologica.

Ma non è tutto: tra le varie tecnologie ad osmosi inversa, c’è da riconoscere che quelle a marchio Aquamea hanno una particolare unicità. Filtrano il doppio perché hanno i filtri più grandi.

Forse è anche per questo che continuano ad aumentare le persone felici di bere acqua pura direttamente dal rubinetto di casa in totale sicurezza, senza sforzi inutili e senza costi inutili.

Se desideri unirti a loro, è sufficiente cliccare questo link e prenotare una consulenza gratuita per un primo test dell’acqua.

Tramite una tecnologia ad osmosi inversa – come quella Aquamea – la tua nuova acqua purificata e decontaminata sarà sempre a tua disposizione, giorno e notte, senza uscire di casa.

Dimentica impurità, metalli pesanti, cloro, calcare, PFAS, virus e batteri, perchè otterrai un’acqua pura di sorgente direttamente nel tuo rubinetto. E inoltre risparmierai parecchio, perchè finalmente sfrutterai al 100% l’acqua di rete che già paghi…

Tutto quello che devi fare è soltanto cliccare questo link e compilare il form per ottenere una prima consulenza gratuita, come già fatto da altre migliaia di persone prima di te.

Approfitta quindi dell’offerta e ricorda che tutto il potere decisionale è nelle tue mani.

Un passo così amorevole e protettivo verso il tuo benessere e quello della tua famiglia è una scelta tua e soltanto tua.

Grazie per essere arrivato a leggere fino qui e a presto,

lo staff Aquamea

Screenshot 2024 01 15 alle 15.43.07

Comments are disabled.